Porti e Destinazioni
Queen Elizabeth 2 entra nella linea MGallery Hotel Collection di Accor
79     
  • 5.0
  • Itabus

    Queen Elizabeth 2, lo storico transatlantico che dal 2018 opera come lussuosa nave hotel a Dubai, passa alla francese Accor, che con più di 5000 hotel di proprietà è uno dei principali gruppi alberghieri a livello globale ed il più grande in Europa.

    La nave entrerà a far parte della MGallery Hotel Collection di Accor, che ha in portafoglio alberghi di tutto il mondo ricchi di storia. Queen Elizabeth 2 sarà sottoposta a nuovi interventi di aggiornamento e ristrutturazione e diventerà senza dubbio un punto di riferimento per il marchio MGallery e per Dubai in generale.

    Ormeggiata al Port Rashid di Dubai, QE2 si trova nelle immediate vicinanze di Sheikh Zayed Road, assicurando un rapido collegamento verso tutte le principali attrazioni che la città ha da offrire. L’aeroporto internazionale di Dubai, il Dubai Mall, il Burj Khalifa e La Mer Beach si trovano tutti a meno di 20 minuti di distanza, mentre Palm Jumeirah e il Mall of the Emirates si trovano rispettivamente a 35 e 29 minuti.

    Una volta completata la ristrutturazione, MGallery Queen Elizabeth 2 avrà 447 camere, nove ristoranti, dieci sale riunioni, un’area di 5.620 mq per eventi all’aperto, sei punti vendita, una piscina e una palestra.

    Accor gestisce attualmente 62 proprietà negli Emirati Arabi Uniti per un totale di 18.562 camere. Il gruppo ha in programma l’apertura di altri 20 hotel per un totale di 5.831 camere.

    QUEEN ELIZABETH 2


    Queen Elizabeth 2 nel suo ormeggio permanente al Dubai Cruise Terminal di Mina Rashid.

    © The Queen Elizabeth 2

    Fiore all’occhiello della flotta Cunard per decenni, Queen Elizabeth 2 ha avuto una lunghissima carriera nella storica compagnia britannica, iniziata nel 1969 con il regolare servizio di linea tra Southampton e New York, e proseguita con le crociere fino al momento della dismissione, nel 2008. Per un breve periodo, nel 1982, ha anche avuto modo di servire la patria. Quando è scoppiata la Guerra delle Falkland è stata infatti requisita dal governo britannico ed utilizzata come trasporto truppe.

    Le linee esterne e in particolare gli interni del Queen Elizabeth 2 hanno visto un netto cambio di stile rispetto ai precedenti transatlantici Cunard, accantonando l’Art Déco per un design più moderno, che comprendeva anche l’uso di plastiche, alluminio e plexiglass. Ma negli anni seguenti gli interni hanno di nuovo subito una radicale ristrutturazione, invertendo direzione ed inseguendo la raffinatezza e l’eleganza classica delle navi del passato piuttosto che il design contemporaneo.

    Una complessa e costosissima evoluzione si è avuta sul piano della tecnica. Le tre turbine a vapore installate in origine avevano causato a Cunard notevoli e crescenti problemi di gestione. Così, dopo aver vagliato le possibili opzioni, nel 1986 la compagnia ha scelto di aggiornare l’intero impianto con nove motori diesel. Un investimento molto importante, con effetti comunque positivi non solo sul piano dell’efficienza e dell’affidabilità, ma anche delle prestazioni, portando la Queen Elizabeth 2 a raggiungere velocità ancora più elevate, con punte di 34 nodi.

    Nonostante nei suoi ultimi anni di servizio fosse ormai superata in ogni parametro dalla Queen Mary 2 e le mancassero molti dei servizi delle moderne navi da crociera, i continui investimenti di Cunard per mantenere alta la qualità e l’atmosfera unica hanno permesso alla Queen Elizabeth 2 di arrivare a fine carriera continuando ancora ad impressionare i suoi ospiti.

    In 39 anni di attività la Queen Elizabeth ha raggiunto numeri da record: 1.400 viaggi, 25 giri del mondo, 6 milioni di miglia percorse, 2,5 milioni di passeggeri trasportati.

    Nel 2008 la nave è stata acquistata per 100 milioni di dollari da Istithmar World, la compagnia di investimento degli Emirati Arabi controllata dall’azienda di stato Dubai World, che aveva nei suoi piani la conversione della nave in un lussuoso hotel galleggiante. Ma con l’avvento della grave crisi finanziaria del 2008 quel progetto è stato accantonato, gettando di conseguenza nuove ombre sul futuro della nave.

    Invece, dopo anni di quasi totale abbandono del transatlantico che rendevano sempre più forti i timori di un suo trasferimento nei cantieri per la demolizione, PCFC Hotels, che fa capo alla Dubai government’s Ports, Customs and Free Zones Corporation, ha portato a termine il progetto di conversione del leggendario transatlantico inglese in una nuova attrazione turistica di Dubai, con un investimento da 100 milioni di dollari.

    CARATTERISTICHE PRINCIPALI
    Lunghezza:293,50 metri
    Larghezza:32,00 metri
    Pescaggio:9,90 metri
    Stazza lorda:1969-2004: 65.863 tonnellate
    2004:           70.327 tonnellate
    Cantiere:John Brown & Company
    Posa della chiglia:5 luglio 1965
    Varo:20 settembre 1967
    Completamento:26 novembre 1968
    Viaggio inaugurale:2 maggio 1969
    Ultimo viaggio:27 novembre 2008
    Madrina:Elisabetta II del Regno Unito
    Armatore:1969–1998: Cunard Steamship Company
    1998–2008: Carnival Corporation & plc
    2008:            Istithmar
    Compagnia:1969–2008: Cunard Line
    2008:            PCFC Hotels
    Porto di registro:1969–2008: Southampton, Regno Unito
    2008–2018: Port Vila, Vanuatu
    2018:            Dubai, Emirati Arabi
    Equipaggio:1.040
    Passeggeri:1.777 (base doppia)
    1.892 (capacità massima)
    Ponti passeggeri:10
    Motorizzazione (1969-1986):2 x turbine Brown – Pametrada
    3 x boiler Foster Wheeler E.S.D II
    Motorizzazione (1987):9 x MAN-B&W 9L58/64 da 10.625 kW
    Potenza complessiva (1969-1986):94.000 hp (ordinaria)
    110.000 hp (massima)
    Potenza complessiva (dal 1987):95.625 kW
    Propulsione:Doppia elica pentapala a passo variabile
    Generatori:4 turbo-generatori per una potenza complessiva di 5.400 kW
    Velocità di crociera:28,5 nodi
    Velocità massima (1969-1986):32,5 nodi
    Velocità massima (dal 1987):34 nodi







     

    Dai un voto all'articolo
    Media: 5
    Voti: 1
    ARTICOLI CORRELATI
    Queen Anne consegnata a Cunard
    19 Aprile 2024

    di Redazione Crociere


    PIU' LETTI DI OGGI
    PROPOSTE DEI NOSTRI PARTNER
    Seven Seas Grandeur
    Spagna, Francia, Principato di Monaco, Italia, Malta
    14 notti
    Seadream I
    Da Nizza a Venezia
    14 notti
    Silver Moon
    20 notti
    Marocco, Gibilterra, Tunisia, Malta, Italia, Spagna
    Seabourn Quest
    Da Venezia a Lisbona
    20 notti
    Star Legend
    Da Lisbona a Piran
    18 notti
    Explora II
    Da Civitavecchia a Barcellona
    16 notti
    Le Champlain
    Malta e Italia
    8 notti
    Celebrity Silhouette
    Francia, Italia, Montenegro, Croazia, Grecia
    11 notti
    Vista
    Francia, Principato di Monaco, Italia, Montenegro, Croazia
    10 notti


    Superyacht
    In acqua il primo AB110
    13 Giugno 2024 di Redazione Superyacht
    Consegnato M/Y ALP, Heesen di 50 metri ex Project Jade
    12 Giugno 2024 di Redazione Superyacht



    Crociere Contemporanee



    Megayacht


    Crociere Luxury
    X-Pagoda: la rivoluzione del charter di lusso
    17 Giugno 2024 di Redazione Crociere
    Rivelata la stagione inaugurale di Star Seeker
    15 Giugno 2024 di Redazione Crociere
    Marina ritorna in servizio
    30 Maggio 2024 di Redazione Crociere



    Crociere Premium
    Rinviata di due mesi la consegna di Star Princess
    19 Aprile 2024 di Redazione Crociere