Superyacht
Consegnato Dutch Falcon, il primo Van der Valk della rinnovata gamma Flybridge
128     

Van der Valk ha consegnato al suo armatore Dutch Falcon, yacht in alluminio di 25 metri con cui il cantiere olandese reinterpreta in chiave innovativa la gamma Flybridge. La nuova unità sorprende al primo impatto per le sue spettacolari linee esterne eleganti e senza tempo, rese più contemporanee con l’inserimento di lunghe finestrature a scafo e per la filante sovrastruttura dalle ampie superfici vetrate.

Le linee esterne sono state concepite dal noto designer olandese Cor D. Rover, che ha reinventato la gamma Flybridge di Van der Valk – che conta quindici unità vendute dal suo lancio nel 2007 – proponendo linee e forme più slanciate, oltre che più superfici vetrate su scafo e sovrastruttura.

«Questi tocchi moderni fanno parte di una miscela armoniosa tra caratteristiche classiche, come la prua svasata, e le forme più morbide della sovrastruttura» ha dichiarato Yoeri Bijker, responsabile vendite di Van der Valk. «Il risultato finale è il tipo di estetica senza tempo che è diventata una sorta di firma per il marchio Van der Valk. I nostri motoryacht sono rinomati per non essere mai eccessivamente all’avanguardia, mantenendo sempre un’enfasi sull’eleganza e sulla contemporaneità».

Parlando di eleganza, Dutch Falcon sorprende a prima vista per la sua bellissima livrea metallizzata Horizon Blue, uno dei colori preferiti dagli armatori, che include anche toni di viola e grigio. A catturare l’attenzione è anche l’ampia finestratura della sovrastruttura, fiancheggiata dalla falchetta ribassata per consentire a più luce naturale di raggiungere l’interno e migliorare ulteriormente le viste esterne.


© Van der Valk

Notevoli i volumi del ponte di poppa, lungo circa 4,5 metri, che comprende una zona pranzo esterna e ancora spazio per due sedie a sdraio, volute dagli armatori. Sufficientemente ampio per ospitare un tender Williams 395 SportJet, il ponte di poppa integra una grande e pratica piattaforma bagno.

Gli spazi esterni continuano sul ponte di prua, dove una grande area prendisole offre ulteriore spazio per il relax, mentre il flybridge è configurato per avere un’altra zona pranzo esterna, dietro la plancia di comando.

L’intero ponte principale è sviluppato senza dislivelli, dalla plancia di comando fino al ponte di poppa, passando per la galley, la sala da pranzo da otto posti, il salone e il bar. I mobili del salone non sono fissati alle pareti laterali o ai montanti delle finestre, soluzione che accentua la connessione con gli esterni. C’è anche un grande bagno di servizio in modo da riservare il ponte inferiore a chi pernotta a bordo. Lo spazio sul ponte principale permette di accogliere anche più di 20 persone, senza bisogno che queste accedano alle sistemazioni ospiti al ponte inferiore.

La zona notte del Dutch Falcon è particolarmente generosa nei volumi, considerato che ci troviamo a bordo di uno yacht di 25 metri. La suite armatoriale, a poppavia, è a tutto baglio e dotata di un’area vanity che potrebbe anche essere convertita in zona ufficio, se lo si desidera. A centro barca ci sono due cabine: quella sul lato di sinistra è con letti gemelli, quella a dritta, più piccola, con letto a castello. Verso prua troviamo infine la più ampia cabina VIP. La cabina dell’equipaggio per due persone, a prua, può anche fungere da cabina per bambini, in quanto collegata con la VIP da una porta comunicante.

L’interior designer Carla Guilhem e il suo team hanno sfruttato al massimo gli spazi per creare uno stile rilassato e contemporaneo. Gli arredi sono caratterizzati da molti elementi rotondi e forme organiche.

Le rifiniture sono lussuose ed offrono una sensazione di comfort, attraverso l’uso di materiali come pelle scamosciata, pelli varie e una gamma di tessuti, insieme a finiture in rovere naturale chiaro oltre a varie altre trame di legno e pannelli scanalati che si aggiungono allo schema di colori neutro. Le tonalità bianco sporco e grigio che definiscono gli ambienti interni si mescolano con i colori pop-up di accessori e rivestimenti.

Dutch Falcon rappresenta inoltre una pietra miliare per Volvo Penta, in quanto su questo modello è stata installata l’unità di trasmissione IPS n° 10000. Un sistema di propulsione ampiamente collaudato, a cui Van der Valk ha creduto sin dal principio: il primo yacht in alluminio al mondo a montare la propulsione IPS è stato proprio un Van der Valk, il M/Y Amara nel 2007.

«Alla massima potenza Dutch Falcon raggiunge facilmente i 25 nodi» afferma Yoeri Bijker. «Si tratta di una velocità impressionante per uno yacht di queste dimensioni e ci sono anche altri vantaggi. L’IPS era un sistema rivoluzionario al momento del suo lancio e lo è ancora per il modo in cui offre efficienza, consentendo di risparmiare circa il 25% sul consumo di carburante e riduzione di rumore. Il sistema è anche virtualmente plug&play, soprattutto per cantieri come il nostro che hanno così tanta esperienza con l’installazione di IPS. È anche facile per gli armatori manovrare lo yacht per mezzo del joystick multidirezionale, per assegnare, a turno, le risorse alle eliche di prua e di poppa. L’IPS è perfetto per il tipo di armatore al timone di Dutch Falcon».

Il massimo livello di comfort è assicurato grazie agli stabilizzatori Humphree zero-speed con pinne in fibra di carbonio, sistema ad elevata efficienza per contrastare il rollio all’ancora e in navigazione.

Proprietario di Dutch Falcon è un armatore di grande esperienza, un vero perfezionista che ha costruito più di 20 barche da solo e che ha apprezzato ogni aspetto di questo nuovo yacht.

SPECIFICHE TECNICHE
Lunghezza f.t.:25,20 metri
Lunghezza al galleggiamento:20,55 metri
Larghezza:6 metri
Pescaggio:1,60 metri
Dislocamento:60 tonnellate
Materiale scafo:Alluminio (AlMg4.5Mn – H321)
Materiale sovrastruttura:Aluminium (AlMg4.5Mn – H111)
Scafo:Hard chine, moderate V
Classificazione:CE-A ocean
Architettura navale:Van der Valk Shipyard
Design esterni:Cor D. Rover Design
Design interni:Carla Guilhem
Sistemazioni ospiti:1 Suite armatoriale
1 Cabina VIP
2 Cabine doppie
Sistemazioni equipaggio:1 cabina per 2 persone
Motori:3 x Volvo Penta D13 12.8l 800 hp
Generatori:1 x 26kW Northern Lights
1 x 5kW Northern Lights
Propulsione:IPS
Elica di prua:26 hp elettrica
Velocità massima:26 nodi
Velocità di crociera:21 nodi
Capacità carburante:10.000 litri
Capacità acqua dolce:1.600 litri
Capacità acque nere:1.300 litri







Fonte: Van der Valk

Dai un voto all'articolo
ARTICOLI CORRELATI
Da Van der Valk un “Blue Jeans” completamente su misura
23 Marzo 2022

di Redazione Superyacht

Lady Lene, il nuovo explorer full custom di Van Der Valk
11 Giugno 2020

di Redazione Superyacht

di Redazione Superyacht


PIU' LETTI DI OGGI
B&Me 50€ nuovi hotel


Superyacht
In acqua il primo AB110
13 Giugno 2024 di Redazione Superyacht
Consegnato M/Y ALP, Heesen di 50 metri ex Project Jade
12 Giugno 2024 di Redazione Superyacht



Crociere Contemporanee



Megayacht


Crociere Luxury
X-Pagoda: la rivoluzione del charter di lusso
17 Giugno 2024 di Redazione Crociere
Rivelata la stagione inaugurale di Star Seeker
15 Giugno 2024 di Redazione Crociere
Marina ritorna in servizio
30 Maggio 2024 di Redazione Crociere



Crociere Premium
Rinviata di due mesi la consegna di Star Princess
19 Aprile 2024 di Redazione Crociere