Personaggi
Una chiacchierata con la madrina di Silver Nova, la chef Nina Compton
41     

Il 4 gennaio, durante una cerimonia intima per celebrare ufficialmente il battesimo di Silver Nova, Silversea ha annunciato Nina Compton come madrina.

Nata a Saint Lucia, residente a New Orleans e formata presso l’Istituto Culinario d’America, Compton è una chef pluripremiata, ristoratrice e personaggio televisivo il cui ethos si allinea perfettamente con il programma culinario S.A.L.T. di Silversea.

«Sono onorata di essere stata nominata madrina di Silver Nova» ha dichiarato Nina Compton. «Durante la mia vita, ho esplorato i diversi modi in cui le cucine del mondo – in particolare quella della mia patria, St. Lucia, e dei Caraibi in generale – rafforzano le connessioni umane, facilitano la scoperta culturale e celebrano l’eredità, la tradizione e l’identità. Credo che cibo e bevande abbiano il potere di unire le persone, offrendo una visione sulle consuetudini di una comunità come linguaggio unificante. Spero che il mio viaggio ispiri gli ospiti della Silver Nova a immergersi significativamente nelle destinazioni che visitano e ad interagire con le persone, creando relazioni solide, ampliando gli orizzonti e arricchendosi personalmente».

Compton ha iniziato la sua carriera culinaria presso il rinomato ristorante Daniel dello Chef Daniel Boulud a New York City. Ha proseguito in cucine di alto profilo, tra cui il Palme d’Or nel Biltmore Hotel e Scarpetta presso il Fontainebleau Miami Beach. Dopo aver partecipato alla stagione 11 di Top Chef a New Orleans, classificandosi al secondo posto e venendo votata ‘preferita dai fan’ dai telespettatori, Compton si è innamorata della Crescent City. Nel 2015, ha aperto il suo ristorante di ispirazione caraibica a New Orleans, chiamato Compère Lapin, dal nome di un coniglio birichino tratto da tradizionali racconti popolari dei Caraibi. Il ristorante mescola gli ingredienti autoctoni e la ricca tradizione culinaria di New Orleans con quelli delle sue radici caraibiche ed è diventato rapidamente uno dei ristoranti più celebrati d’America. Nel 2018, la James Beard Foundation l’ha onorata con il premio per Miglior Chef: Sud. Nel 2018, Compton ha aperto un secondo ristorante a New Orleans, Bywater American Bistro.

Nell’intervista seguente, Compton condivide le sue riflessioni sul viaggio, le sue filosofie culinarie, il suo amore per i mango e altro ancora.

Cosa hai pensato quando ti è stato chiesto di essere Madrina di Silver Nova?
Non me lo aspettavo affatto. Quando ho ricevuto la chiamata, sono rimasta scioccata e molto entusiasta allo stesso tempo. Le navi da crociera offrono un’esperienza unica incentrata sul cibo e sull’intrattenimento, ed è proprio ciò che faccio.

Sei una grande viaggiatrice. Come è iniziato tutto?
Ho lavorato per un po’ di tempo presso Sandals, la compagnia di resort. Questo mi ha davvero ispirato perché ho potuto viaggiare e fare ciò che amo. Ho scoperto che si può viaggiare e cucinare ovunque nel mondo. Il cibo è davvero un linguaggio universale.

Cosa fai quando viaggi?
Mi piace andare in posti in cui non siamo mai stati, specialmente con mio marito. Si tratta davvero di trarre ispirazione da paesi diversi. Siamo andati di recente sull’isola di Madeira in Portogallo, e ho trovato tanti tipi di banane là. Quando siamo stati in Brasile, si trattava di capire la cucina afro-latina. È importante per me tornare a casa almeno una volta all’anno, immergermi nel cibo in cui sono cresciuta. Sto imparando costantemente, ma cerco anche di prendermi del tempo libero.

Dove hai affinato le tue abilità culinarie?
Ho lavorato nel ristorante di Daniel Boulud a New York. Poi sono andata a Miami e ho lavorato al Biltmore Hotel, poi al ristorante di Norman van Aken a Coral Gables, Florida, e poi a Scarpetta presso il Fontainebleau Resort a Miami Beach. Ho conosciuto mio marito quando lavoravamo alla Casa Casuarina, l’ex residenza di Versace a South Beach a Miami.

Hai vinto molti premi come chef. Quale è la base per i tuoi successi?
Mi spingevo sempre a fare qualcosa, ma non avrei mai pensato di partecipare a Top Chef o di vincere un James Beard Award. Ho imparato da mio padre [Sir John George Melvin Compton, primo ministro di St. Lucia] a non prestare attenzione alle persone intorno a me, ma a mantenere lo sguardo fisso sul mio obiettivo. Molto del successo viene dal non avere un ego. È facile per le persone riempirsi la testa. È importante per me, invece, mantenere la testa bassa e fare ciò che amo.

Come sei finita a New Orleans?
Mio marito ed io ci siamo sposati nel giugno 2009. Quando stavamo pianificando la nostra luna di miele, volevamo andare a New Orleans, ma non ci siamo mai riusciti. Poi quando ero nello show Top Chef, è stato girato a New Orleans. Qualcosa di questa città attrae le persone; ti cattura davvero – l’atmosfera e l’energia. È molto tropicale, colorata e ricca di storia. Siamo qui da quasi nove anni, e ogni giorno imparo qualcosa di nuovo sulla città.

Cosa rende un piatto straordinario?
Gli ingredienti sono cruciali. La stagionalità è molto importante. Lo è anche essere fedeli a quei contadini che condividono la stessa passione per l’integrità degli ingredienti. Molti piatti che creiamo sono una storia che proviene da un viaggio o dalla mia infanzia. I mango sono uno dei miei ingredienti preferiti. Quando ero bambina, la stagione dei mango era sempre il mio momento preferito, quando l’aria era profumata di questo dolce odore. Ci sono più di 300 tipi di mango, e penso che molte persone che pensano di non amare i mango prendano la varietà sbagliata. Se ne prendi uno bello carnoso, è come mangiare una pesca.

Possiedi tre ristoranti a New Orleans. Come fai a gestirli?
Non esco molto dalla cucina. Le giornate sono lunghe. Il mio tempo libero consiste nel alzarmi e sedermi fuori a leggere il giornale. Sedersi all’aperto è davvero importante per me. Mi alzo verso le 7:30 o le 8 del mattino e controllo le email e i messaggi vocali. Dopo di che, faccio una tazza di caffè, e io e mio marito ci sediamo fuori con i cani – ne abbiamo adottati due. Io e mio marito parliamo di quale ristorante sarà aperto e degli affari. Sono molto fortunata ad avere mio marito che capisce le mie giornate. Allevia un po’ di stress. Molte persone non sanno quanto lavoro serva nel creare un piatto o un servizio. Mantenere la sanità mentale si riduce davvero all’organizzazione, ho imparato a dire ‘no’. Abbiamo molte richieste, ma basta solo dire di no a molte cose che mi rendono troppo tesa.

Qual è il tuo consiglio per i viaggiatori?
Vorrei davvero che le persone fossero aperte mentalmente quando viaggiano, che si spingessero fuori dalla loro zona di comfort. Molte persone rimangono solo nel resort e non vanno mai nei ristoranti locali. Dovrebbero cercare di uscire dai percorsi battuti e immergersi nella destinazione mangiando ad esempio in un locale tipico quando escono. Impareranno di più sul luogo.

Fonte: Cruising Journal per Silversea Cruises

Dai un voto all'articolo
ARTICOLI CORRELATI
Silversea prende in consegna Silver Ray
14 Maggio 2024

di Redazione Crociere

Silver Nova battezzata a Fort Lauderdale
4 Gennaio 2024

di Redazione Crociere


PIU' LETTI DI OGGI
PROPOSTE DEI NOSTRI PARTNER

147
Bilgin
45 m | 2014
S/Y Yamakay
CMN
42.36 m | 1994
SL102 A
Sanlorenzo
31.08 m | 2019
One Hundred
Baia
31 m | 2010
SL100
Sanlorenzo
30.48 m | 2007
30M
Princess
30.45 m | 2018
100 Corsaro
Riva
29.85 m | 2018
SD 92
Sanlorenzo
27.60 m | 2016
SD 90
Sanlorenzo
27.43 m | 2023


Superyacht
In acqua il primo AB110
13 Giugno 2024 di Redazione Superyacht
Consegnato M/Y ALP, Heesen di 50 metri ex Project Jade
12 Giugno 2024 di Redazione Superyacht



Crociere Contemporanee



Megayacht


Crociere Luxury
X-Pagoda: la rivoluzione del charter di lusso
17 Giugno 2024 di Redazione Crociere
Rivelata la stagione inaugurale di Star Seeker
15 Giugno 2024 di Redazione Crociere
Marina ritorna in servizio
30 Maggio 2024 di Redazione Crociere