Eventi
Admiral Kenshō premiato in tre categorie agli International Yacht & Aviation Awards 2023
20     

Agli International Yacht & Aviation Awards 2023, i prestigiosi riconoscimenti insigniti da Design et Al giunti alla 13esima edizione, che premiano architettura, stile e design nello yachting, aviazione e hôtellerie, il 75 metri Admiral Kenshō è stato premiato nelle categorie “Motor Yachts over 60m”, “Interior design over 40m” e “Iya Bathroom”. La cerimonia di premiazione si è tenuta venerdì 9 giugno nella splendida cornice del Belmond Hotel Cipriani di Venezia di fronte ad una giuria di esperti del settore provenienti da ogni parte del mondo.

«Questo nuovo riconoscimento è per The Italian Sea Group un’ulteriore conferma di standard progettuali e qualitativi del gruppo sempre più elevati – ha dichiarato al ritiro del premio Giovanni Costantino, fondatore e CEO di The Italian Sea Group – Il cuore, la passione, la mente, la competenza, le mani sapienti e il sacrificio, sono gli elementi che contraddistinguono il nostro meraviglioso team e che permettono il raggiungimento di questi importanti risultati. Mi congratulo nuovamente con tutto il nostro management e il team di professionisti della società armatrice che hanno collaborato in maniera affiatata e sinergica alla nascita di questo meraviglioso yacht così ricco di dettagli e destinato ad un grande successo».

In soli 5 mesi Admiral Kenshō è già stato premiato ai World Superyacht Awards 2023 e ai Design & Innovation Awards 2023 di Boat International quale “Motor Yacht of the Year”, “Best Motor Yacht 1500GT and Above” e “Best Interior Design, Motor Yachts 500GT and Above”.

Consegnato a luglio 2022, Kenshō è nato dalla collaborazione tra l’armatore, che ha curato il progetto in prima persona, lo studio di design francese Jouin Manku, che ha progettato il design degli interni e Azure Yacht Design che, insieme ad archineers.berlin, ha sviluppato gli esterni.

Le sfide tecniche del progetto sono state affrontate con soluzioni funzionali, ma al tempo stesso eleganti, che hanno ridefinito i confini di spazio, distribuzione e lusso, proiettando la personale visione dell’armatore verso una nuova idea dell’esperienza di navigazione.

Dagli esterni sino agli interni la narrativa è fluida e contemporanea: teak, marmo, onice, seta, lana, bronzo e vetro, compongono un eterogeneo insieme di materiali combinati tra loro per un risultato poetico e raffinato.

Admiral Kenshō possiede un innovativo sistema di propulsione diesel-elettrico, con motori elettrici a magneti permanenti che garantiscono un’alta efficienza e una forte potenza, con volumi limitati. Il sistema di propulsione è dotato di cinque generatori a velocità variabile, tutti muniti di sistemi antiparticolato per ottimizzare il consumo a qualsiasi regime e ridurre le emissioni nell’atmosfera.

Il design è stato sviluppato con particolare attenzione all’ambiente nel rispetto della notazione volontaria “ECO” dell’Ente di Classifica; anche lo scafo è stato realizzato minimizzando la resistenza attraverso l’uso della propulsione azimutale e alette di stabilizzazione retraibili.






Fonte: Image Building per The Italian Sea Group

Dai un voto all'articolo
ARTICOLI CORRELATI
Posata la chiglia del mega yacht Admiral 70m C.616
30 Maggio 2024

di Redazione Superyacht

Venduto il primo Admiral Quaranta
14 Maggio 2024

di Redazione Superyacht

Venduta la quinta unità Admiral 50 metri
7 Maggio 2024

di Redazione Superyacht


PIU' LETTI DI OGGI
PROPOSTE DEI NOSTRI PARTNER
MSC Preziosa
Capo Nord e Oceano Artico
Costa Favolosa
Olanda, Irlanda e Inghilterra
Caribbean Princess
Fiordi Norvegesi fino a Capo Nord
MSC Poesia
Norvegia, Danimarca
MSC Euribia
Danimarca, Norvegia


Superyacht
Varato M/Y Rilassata, sesto Tankoa S501
7 Giugno 2024 di Redazione Superyacht
Varato il Columbus Atlantique 43 M/Y Frette
6 Giugno 2024 di Redazione Superyacht



Crociere Contemporanee
Costa Crociere inaugura la stagione estiva 2024 a Taranto
9 Giugno 2024 di Redazione Crociere



Megayacht
Posata la chiglia del mega yacht Admiral 70m C.616
30 Maggio 2024 di Redazione Superyacht