• Beneteau-2,76%

  • Carnival-3,89%

  • Fincantieri-1,25%

  • Genting Hong KongPre-apertura

  • Immsi-3,20%

  • Lindblad Expeditions Holdings-9,50%

  • MarineMax-7,26%

  • Norwegian Cruise Line Holdings-4,61%

  • Royal Caribbean Cruises-2,57%

  • Sanlorenzo-5,31%

  • The Italian Sea Group-1,50%

  • TUI-4,37%

  • Viking Line-4,55%

Mercato e Finanza
Nuove proposte da The Italian Sea Group e Sanlorenzo-Ferretti per rilevare Perini Navi
8     

Dopo la seconda asta fallimentare, andata deserta come la precedente, per rilevare il complesso aziendale di Perini Navi, riconfermano l’interesse verso il prestigioso cantiere viareggino The Italian Sea Group e Restart, la joint venture paritetica con cui partecipano Sanlorenzo e Ferretti Group.

Entrambi i contendenti offrono proposte irrevocabili per l’acquisto dell’intero complesso aziendale di Perini Navi S.p.A., dichiarata fallita dal Tribunale di Lucca a gennaio 2021, e che hanno per oggetto il compendio mobiliare ed immobiliare dei cantieri navali di Viareggio e di La Spezia, il compendio immobiliare di Pisa, una nave in corso di costruzione, i marchi ed i brevetti, la partecipazione sociale (100%) in Perini Navi U.S.A. Inc. ed i rapporti giuridici in essere con i dipendenti e con i terzi.

The Italian Sea Group – che a luglio 2021 aveva già confermato il proprio interesse per Perini Navi, ma solo a valori compatibili con la creazione di valore per la società e per i propri azionisti – ha formulato un’offerta economica corredata da un preciso piano industriale e di rilancio del prestigioso marchio Perini, che punta ad aumentare gli spazi destinati alle nuove costruzioni e a nuovi mercati di riferimento, stabilendo un prezzo di 47 milioni di euro.

Restart non comunica invece il prezzo dell’offerta, specificando che il suo piano industriale punta alla ripartenza produttiva e al rilancio dell’azienda, del marchio e, soprattutto, garantisce crescita e continuità occupazionale per i lavoratori dei due cantieri e rafforza i rapporti con il territorio. Le risorse finanziarie saranno ingenti per realizzare un piano di forte creazione di valore e di rilancio di lungo periodo per permettere a Perini Navi di tornare a essere un’impresa dinamica e globale, simbolo della nautica italiana nel mondo.

La precedente base d’asta era di 56,25 milioni di euro. Perini Navi aveva accumulato tra il 2016 e il 2018 perdite per 55 milioni di euro, che diventano 140 milioni considerando gli ultimi 9 anni. Nel 2019 il fatturato consolidato ammontava a 55 milioni, con una perdita compresa tra i 35 e i 40 milioni ed un indebitamento complessivo di 55 milioni. Ad oggi la posizione debitoria raggiunge i 100 milioni di euro.

  • Valutazione di Cruise Lifestyle
  • Dai un voto all'articolo
  • Valutazione complessiva
  • Valutazione dei Lettori
  • Dai un voto all'articolo
  • Valutazione complessiva
ARTICOLI CORRELATI
Venduto il primo Sanlorenzo 72Steel diesel elettrico
1 Dicembre 2021

di Redazione Superyacht

Sanlorenzo SL102Asymmetric del 2020 in vendita da Idea Yachting
5 Novembre 2021

di Redazione Superyacht

Sanlorenzo SX112 entra nell’ADI Design Index 2021
28 Ottobre 2021

di Redazione Superyacht


CONSIGLIATI E SPONSORIZZATI
IDEE PER IL CHARTER

Ferretti 780
Mar Tirreno 7 giorni
MS Ohana
Croazia 7 giorni
Princess 50
Bergen - Hardangerfjord 4 giorni

YACHT IN BORSA


Superyacht
Heesen vara Project Aura
23 Dicembre 2021 di Redazione Superyacht
Venduto da Baglietto un altro DOM 133
22 Dicembre 2021 di Redazione Superyacht



Crociere Contemporanee
Completato il refit di Marella Explorer
5 Gennaio 2022 di Redazione Crociere
AIDAmira dismette la bandiera italiana
27 Dicembre 2021 di Redazione Crociere


CRUISE LIFESTYLE
CRUISE & SUPERYACHT NEWS