°
______
°

    ° | °
    km/h
    %
      

___
______
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLE
    %
  • SORGE
  • TRAMONTA
  • MAR 21
    ° | °
      %
      %
  • MER 22
    ° | °
      %
      %
  • GIO 23
    ° | °
      %
      %
  • VEN 24
    ° | °
      %
      %
  • SAB 25
    ° | °
      %
      %
  • DOM 26
    ° | °
      %
      %

Cerca il meteo di

Superyacht
Roberto Cavalli e Tommaso Spadolini svelano lo stile e il design del 28 metri M/Y Freedom
23     

M/Y Freedom è il terzo modello della collezione “Fuoriserie”, la linea di CCN dedicata ai progetti fully custom, ed è il risultato di una brillante sinergia tra lo stilista Roberto Cavalli e l’architetto Tommaso Spadolini. Sia il profilo esterno che il layout interno riflettono la forte personalità dell’armatore, che ha richiesto uno yacht che garantisse il massimo contatto con il mare nella più assoluta privacy.

Il risultato finale è una imbarcazione di 28 metri in alluminio, con linee aggressive, bassa sull’acqua, con molto volume interno, alta velocità e un bel flybridge. Lo scafo planante, il cui design garantisce stabilità, tenuta in mare ed efficienza in tutte le condizioni meteorologiche, è stato progettato per rispettare i generosi valori di larghezza richiesti dal GA, ma limitati a una lunghezza di 28 m (in conformità con gli standard ISO), consentendo di raggiungere una significativa velocità massima di 42 nodi grazie a un trio di idrogetto Rolls-Royce e tre motori diesel MAN.

Per quanto riguarda la disposizione degli interni, l’armatore ha richiesto che l’intera area del ponte principale (cabina armatoriale a tutto baglio / area lounge / timoneria) fosse sviluppata sullo stesso piano, con pochi gradini di dislivello. Questo innovativo concetto offre uno spazio abitativo insolito, dove la spiaggetta di poppa e il salone principale contribuiscono a creare un ambiente continuo, in prossimità dell’acqua. Inoltre, con le porte laterali e la tenda chiusa, la sala principale gode di tutti i comfort di uno spazio interno.


Il salone principale e la spiaggetta di poppa di Freedom creano un ambiente continuo.

© Giovanni Malgarini

Sul ponte principale, la cabina armatoriale, progettata per conferire continuità visiva con il salone esterno, garantisce una costante vista mare, luce naturale e ventilazione grazie a 4 grandi finestre apribili e ad un lucernario centrale. La decorazione degli interni è stata curata personalmente da Roberto Cavalli, che ha selezionato tessuti e finiture, oltre a mobili ed accessori. Le pareti, caratterizzate da pannelli decorativi retroilluminati, riproducono foto scattate dall’armatore stesso durante i suoi viaggi, conferendo un ulteriore “tocco personale” agli ambienti.

La cabina armatoriale e il flybridge possono essere isolati dal salone formando una vera e propria suite con terrazza privata. Inoltre, dalla cabina armatoriale è possibile accedere direttamente alla timoneria, poiché il proprietario intende guidare lo yacht da solo.

Dal salone, un comodo accesso alle scale conduce direttamente ad una cucina a tutto baglio, caratterizzata da ampi spazi di lavoro, grandi frigoriferi / congelatori, tv e sistemi audio.

Sul ponte inferiore è prevista una sistemazione per 2 + 2 ospiti. Qui, come nella cabina armatoriale, i mobili sono stati personalizzati con dettagli e materiali provenienti dalla collezione Roberto Cavalli Home. Un mix colorato di motivi animalier incontra elementi decorativi di ispirazione naturalistica, creando un ambiente unico dal fascino “glam-chic”.


Cabina VIP.

© Giovanni Malgarini

LA VISIONE DEL DESIGNER: TOMMASO SPADOLINI

Il mio rapporto con Roberto Cavalli risale a quasi 20 anni fa, quando abbiamo lavorato insieme al suo precedente yacht, il 41m Baglietto RC. La nostra collaborazione si è rinnovata nel 2016, quando mi ha contattato per disegnare un nuovo yacht.

Le richieste, questa volta, sono state molto diverse. Roberto Cavalli aveva usato RC come yacht aziendale per promuovere il proprio business ed era sempre pieno di ospiti VIP. Questa volta desiderava uno yacht da vivere per crociere in coppia, tre membri di equipaggio e al massimo quattro ospiti.  Senza dimenticare i suoi due cani, Lupo e Lapo!

Essendo in possesso della patente nautica, Roberto desiderava una barca più piccola per essere più vicino all’acqua e che potesse timonare da solo: questo significava una lunghezza al galleggiamento al massimo di 24 metri. Questo yacht doveva essere anche in grado di raggiungere i 40 nodi, che ci ha portati a scegliere tre motori MAN accoppiati a tre idrogetti KaMeWa e a optare per una costruzione leggera utilizzando alluminio e fibra di carbonio.

Un’altra specifica richiesta ha riguardato la suite armatoriale, che doveva trovarsi su un livello sopraelevato a poppavia della timoneria – una prima assoluta su uno yacht di queste dimensioni – e che godesse di una vista a tutto tondo sul mare e di una ventilazione naturale. Questo ha significato ideare un layout su più livelli, con il salone principale a poppa del ponte principale e la suite armatoriale quattro gradini più in alto sullo stesso livello della timoneria.

Una suite VIP e una cabina ospiti (con letti a castello e un bagno utilizzabile anche come day-head) si trovano sul ponte inferiore, insieme alla cucina/dinette e agli alloggi per l’equipaggio. Inoltre c’è un’accogliente lounge esterna con accesso privato dalla suite armatoriale. Il tender di 3,8 metri è alloggiato sotto una capotte in fibra di carbonio sul ponte di prua.

Per assicurare la massima privacy, alla suite armatoriale si accede tramite una scala dal salone principale, che diventa una lounge privata quando non ci sono altri ospiti a bordo. Per garantire uno stretto contatto col mare, il ponte poppiero è molto più basso del normale, diventando un tutt’uno con lo spazio esterno tramite le porte vetrate scorrevoli posizionate su tre lati. Abbassare l’altezza del ponte è stata una vera sfida ingegneristica, poiché la sala macchine con i tre motori si trova esattamente al di sotto.

In termini di design degli esterni, Roberto Cavalli voleva qualcosa di sportivo e aggressivo che riflettesse il suo personale approccio alla vita in mare e la sua forte personalità. Per utilizzare le sue stesse parole, voleva “una barca che Batman desiderasse timonare!”.

Abbiamo sviluppato molti differenti profili prima di giungere al design esterno finale con due ampi archi che inquadrano il pozzetto e che al contempo lo riparano dal vento. Per enfatizzare e trasmettere la natura sportiva di questo yacht, abbiamo deciso di pitturare lo scafo di nero metallizzato e la sovrastruttura in grigio scuro metallizzato.


La linea sportiva e aggressiva di Freedom riflette la forte personalità dell’armatore.

© Giovanni Malgarini

Pur avendo contattato diversi cantieri per costruire lo yacht, Cerri Cantieri Navali (CCN) è stato il solo disposto ad accettare gli stretti tempi di costruzione, di soli 14 mesi, e che ha inserito questo yacht nella sua gamma Fuoriserie. Essendo situato a Carrara, in Toscana, Roberto ha potuto recarsi spesso in cantiere per seguire i lavori, partendo dalla sua casa di Firenze.

LA VISIONE DELL’ARMATORE: ROBERTO CAVALLI

La sfida era quella di massimizzare il contatto col mare assicurando al contempo una privacy senza compromessi. L’aspetto fondamentale del progetto era la volontà di creare uno spazio molto confortevole, con pochi gradini, luce e ventilazione naturali e una vista completa sul mare. La mia cabina si trova dietro la timoneria perché io timono anche da solo. Un’altra caratteristica importante è il fly deck privato, così come l’ampia cucina/dinette e i confortevoli alloggi per il mio equipaggio sul ponte inferiore.

Io sono una persona creativa, quindi desideravo creare io stesso l’interior design, il che ha significato selezionare tutti i materiali, le finiture e gli accessori. Tommaso mi ha affiancato lungo la strada per essere sicuro che il mobilio scelto fosse corretto per gli spazi a disposizione.

Il mio stile è eclettico e ho scelto molte stampe animalier africane per le tappezzerie, i cuscini e i copriletti: si tratta del tema di diverse mie collezioni di moda. Sono anche un appassionato fotografo e le paratie sono decorate con foto panoramiche che ho scattato durante i miei viaggi.


La cabina armatoriale nello stile eclettico di Roberto Cavalli.

© Giovanni Malgarini

Sono entusiasta del risultato finale e voglio trascorrere più tempo possibile a bordo. Quest’anno, per esempio, ho pianificato di iniziare la stagione con una crociera pasquale, sperando di vivere a bordo fino a settembre!

SPECIFICHE
Lunghezza f.t.:28,00 metri
Lunghezza al galleggiamento:22,00 metri
Larghezza massima:7,10 metri
Altezza di costruzione:3,40 metri
Immersione:1,35 metri
Dislocamento:80 tonnellate
Velocità di crociera:34 nodi
Velocità massima:40 nodi
Capacità casse combustibile:14.000 litri
Capacità casse acqua dolce:2.000 litri
Motori:3 x MAN D2862LE476 (V12 1900hp 2300rpm)
Propulsione:2 x Kamewa A3 56
1 x Kamewa A56 Booster
Classe di certificazione:CE modulo B categoria A
Ente di certificazione:RINA







Fonti: CCN, Sand People Communication per Tommaso Spadolini
Foto: Giovanni Malgarini

Fino al 26 maggio, 7€ di sconto su una spesa minima di 70€ utilizzando il codice sconto: 1332487864193885.

  • Valutazione di Cruise Lifestyle
  • Dai un voto all'articolo
  • Valutazione complessiva
  • Valutazione dei Lettori
  • Dai un voto all'articolo
  • Valutazione complessiva
M/Y Freedom, quando la nautica incontra la moda
1 Febbraio 2019

di Redazione Cruise Lifestyle


Guide Berlitz 2018 – Le migliori grandi navi da crociera
2 Gennaio 2018 di Redazione Cruise Lifestyle
Guide Berlitz 2019 – Le migliori navi da crociera mid-size
5 Gennaio 2019 di Redazione Cruise Lifestyle
Chi sono i personaggi più ricchi dell’industria crocieristica
26 Marzo 2018 di Redazione Cruise Lifestyle


Royal Caribbean inaugura l’isola privata Perfect Day at CocoCay
8 Maggio 2019 di Redazione Cruise Lifestyle
MSC Crociere svela il progetto dell’innovativo terminal a PortMiami
12 Aprile 2019 di Redazione Cruise Lifestyle


Piccolo incendio a bordo di Costa Smeralda
19 Marzo 2019 di Redazione Cruise Lifestyle




Dal 21 maggio 2019 aumentano le quote di servizio sulle navi Princess
2 Maggio 2019 di Redazione Cruise Lifestyle
Battezzata a Shanghai la Explorer Dream, terza nave di Dream Cruises
15 Aprile 2019 di Redazione Cruise Lifestyle


Windstar svela nuovi dettagli del programma Star Plus
10 Aprile 2019 di Redazione Cruise Lifestyle
Costa neoRomantica sarà convertita in un residence navigante
1 Aprile 2019 di Redazione Cruise Lifestyle

NEWSLETTER

IDEE DI VIAGGIO