°
______
°

    ° | °
    km/h
    %
      

___
______
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLE
    %
  • SORGE
  • TRAMONTA
  • LUN 22
    ° | °
      %
      %
  • MAR 23
    ° | °
      %
      %
  • MER 24
    ° | °
      %
      %
  • GIO 25
    ° | °
      %
      %
  • VEN 26
    ° | °
      %
      %
  • SAB 27
    ° | °
      %
      %
Classifiche
Le destinazioni crocieristiche più pericolose
2656     
  • 5.0
  • I cataloghi delle compagnie promettono spesso destinazioni spettacolari, testimoniate da fotografie che mettono in evidenza spiagge candide e acque cristalline, paesaggi naturali di rara bellezza, città dall’inestimabile patrimonio artistico, incredibili metropoli futuristiche o antichi borghi in cui il tempo sembra essersi fermato. Una promessa spesso mantenuta.

    Purtroppo esiste anche un’altra realtà, trascurata dai cataloghi di tutte le compagnie. Così, quello che doveva essere un paradiso terrestre, nella realtà costituisce solo un lato della medaglia. L’altro lato può rivelare un luogo fatto di atroci violenze verso ignari turisti dal quale non è garantito che possano tornare a bordo sani e salvi.

    Purtroppo i crocieristi rappresentano le vittime predilette dalla criminalità. Solitamente sono persone che non hanno familiarità con la zona e la mentalità del luogo, sono spesso percepiti dai locali come persone benestanti e, infine, quando subiscono un crimine, spesso non hanno tempo per denunciarlo alle autorità poiché devono tornare in tempo al porto per l’imbarco.

    «Non date per scontato che le compagnie di crociera non attracchino in porti pericolosi», avverte Salvatore Grasso, consulente per la sicurezza di Sicuro Consulting, azienda specializzata in analisi delle informazioni per la valutazione dei rischi, che opera per conto di compagnie e agenzie internazionali, tra cui anche l’Interpol. «La priorità è al livello più basso e la loro responsabilità si limita nell’avvisare i passeggeri sui possibili rischi».
    Questo spesso si traduce in un foglio stampato che viene recapitato in cabina con il quale la compagnia avverte della possibilità di rischi per la sicurezza degli ospiti che non prendono parte alle escursioni organizzate. Ma in alcune località neanche i tour gestiti dalla compagnia possono essere considerati sicuri. Ci sono infatti stati più casi di rapine a mano armata compiute da bande che assaltano i pullman turistici.
    E’ peraltro molto difficile anche per i professionisti definire la pericolosità di un porto crocieristico, soprattutto nei paesi più poveri, dove le statistiche dei crimini raramente costituiscono dati affidabili.

    Elinore Boeke, portavoce della CLIA (Cruise Line International Association), rassicura invece i passeggeri: «Le compagnie lavorano a fianco delle autorità della security nazionale, internazionale e delle forze dell’ordine di tutto il mondo per garantire la sicurezza dei passeggeri. In caso di problemi per la sicurezza, le navi da crociera cambiano i loro itinerari in base alle necessità». Aggiunge inoltre che le aree portuali sono strettamente sorvegliate e che la sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio sono la massima priorità.

    In questo articolo cercheremo di stilare una classifica delle destinazioni crocieristiche più pericolose. Per farlo ci siamo basati su diversi criteri, come la presenza di notizie relative a crimini verso crocieristi e turisti, le raccomandazioni del Ministero degli Esteri, il Global Peace Index (un indice che classifica le nazioni in base a fattori che determinano l’attitudine di un determinato paese ad essere considerato pacifico), le esperienze dei nostri collaboratori. Ci teniamo a precisare che si tratta di una classifica puramente indicativa.







    1. ROATAN – HONDURAS

    roatan

    Le sue splendide spiagge bianche incontaminate lambite da acque cristalline mostrano inequivocabilmente un paradiso nei Caraibi. Ma la vita qui è tutt’altro che paradisiaca: il tasso di criminalità è fuori controllo.
    Sono diversi i crocieristi che hanno avuto terribili esperienze in questa isola dai due volti. Come una famiglia di 5 persone che viaggiava con Carnival Cruise Line, vittima di una rapina a mano armata, o un membro di equipaggio della Norwegian Cruise Line, a cui hanno sparato, uccidendolo, per impossessarsi del suo cellulare. L’Honduras è un paese privo di risorse sufficienti per condurre indagini adeguate e la grave inefficienza della giustizia favorisce il proliferare della criminalità.

    Consigli per la sicurezza

    • Non spostarsi da soli ed evitare luoghi isolati, spiagge comprese.
    • Prenotare i tour organizzati dalla compagnia di crociera.
    • Tenere un profilo basso, portare pochi contanti e non esibire oggetti di valore, compresi apparecchi elettronici anche di fascia media.
    • Circolare in auto con i finestrini chiusi ed evitare il trasporto pubblico.
    • Evitare le manifestazioni politiche poiché potrebbero degenerare in scontri.
    • Non divulgare il proprio piano di viaggio.







    2. MARGARITA ISLAND – VENEZUELA

    margarita-island-539531_1280

    Margarita Island è una minuta e bellissima isola nel Mar dei Caraibi, sotto la giurisdizione del Venezuela. Si tratta di un paese chiave per il traffico di droga, che registra tra i più elevati tassi di criminalità del mondo, con la complicità del governo nella tratta di esseri umani.
    Sono possibili casi di crimini violenti, come assassini, aggressioni a mano armata, rapimenti e furti d’auto (con persone a bordo), anche nelle zone turistiche ritenute sicure, a qualsiasi ora.

    Consigli per la sicurezza

    • Tenere un profilo basso, portare pochissimi contanti, non fare percepire la propria condizione di benessere, non esibire apparecchi elettronici.
    • Portare una fotocopia del passaporto e lasciare l’originale a bordo.
    • Tenersi lontano da assembramenti e manifestazioni politiche.
    • Evitare bus e Bancomat.
    • Evitare la visita a Avila National Park o attività all’aperto se non si viaggia in gruppi di almeno cinque persone.
    • Evitare assolutamente di utilizzare taxi incontrati casualmente per strada.







    3. ACAPULCO – MESSICO

    acapulco-420189_1280

    Una volta meta di vacanza per le celebrità americane, Acapulco conserva ancora oggi la sua fama planetaria per le spiagge e per la vivace vita notturna. Ma oltre al turismo, a svilupparsi è stato anche il narcotraffico, che ha portato ad un significativo incremento della criminalità.
    La criminalità violenta costituisce appunto uno dei problemi principali in tutto il paese, nonostante i grandi sforzi delle autorità locali per rassicurare i turisti. Il risultato è che Acapulco è letteralmente difesa dall’esercito.
    Si contano diverse aggressioni a danni di turisti, in varie parti del paese, con minore concentrazione nelle zone di villeggiatura.
    Nel 2012 un pullman con a bordo 22 crocieristi di Carnival Cruise Line è stato preso d’assalto da banditi armati. C’é stato anche il caso di una giovane crocierista di Royal Caribbean violentata mentre stava facendo shopping a Cozumel (località molto frequentata dalle navi di crociera) e, sempre nell’isola messicana, una musicista polacca della Allure of the Seas il cui corpo è stato recuperato in mare, con evidenti segni di violenza.
    Recentemente Holland America Line ha cancellato tutti gli scali programmati ad Acapulco.

    Consigli per la sicurezza

    • Prestare particolare attenzione e adottare opportune cautele nel conservare i propri documenti e mezzi di pagamento.
    • Non recarsi in zone isolate o percorrere sentieri poco battuti ma mantenersi nei luoghi turistici più frequentati.
    • Se si viaggia in auto, evitare le strade secondarie e gli spostamenti serali o notturni.
    • Non divulgare il proprio numero di cellulare. Ci sono stati casi di ripetute telefonate minatorie a scopo di estorsione o casi di “sequestri virtuali” in cui la vittima viene indotta a recarsi in un determinato luogo indicato da criminali che formulano richieste di riscatto con minacce di morte.







    4. CARTAGENA – COLOMBIA

    cartagena-179661_1280

    Situata sulla costa settentrionale della Colombia, Cartagena è una nota destinazione crocieristica che offre una eterogenea gamma di attrazioni: antiche fortificazioni, architetture coloniali del XVI e XVII secolo, deliziose spiagge, barriere coralline, ottimi ristoranti e tanti negozi per lo shopping.
    Ma la Colombia è anche uno dei paesi più pericolosi del mondo, con elevati indici di violenza connessi alla criminalità organizzata, molto strutturata, a cui si aggiunge una diffusa micro-criminalità. Estorsione e furti costituiscono le maggiori preoccupazioni per i turisti.
    I dati statistici indicano in generale un graduale miglioramento della situazione ma rimangono costanti i numeri di omicidi e sequestri, così come le attività di bande di narcotrafficanti, anche se concentrate nelle zone di frontiera.
    Alto il fenomeno della corruzione.

    Consigli per la sicurezza

    • Preferire le escursioni organizzate dalle compagnie.
    • Sui taxi sono ricorrenti le aggressioni di passeggeri, pertanto non fermare taxi lungo le strade, ma prenotarli esclusivamente presso le compagnie autorizzate.
    • Mantenere la cautela quando si entra in contatto con persone sconosciute.
    • Evitare gli sportelli Bancomat situati all’esterno ed utilizzare quelli installati all’interno di una banca o di un centro commerciale per prelevare solo piccole somme, preferibilmente con un accompagnatore.
    • Non accettare bevande o alimenti da parte di persone sconosciute: potrebbero essere drogate a scopo di rapina.
    • Attenzione ai truffatori travestiti da agenti di polizia, che costringono ignari turisti a consegnare valuta straniera per finti controlli sulla loro autenticità.
    • Non rivolgersi a cambiavalute non autorizzati: potrebbero distribuire moneta falsa o fuori corso, con il rischio di coinvolgere il turista nel reato di spaccio di valuta falsa.
    • Portare con sé una fotocopia dei propri documenti di identità, lasciando il passaporto sulla nave.
    • Evitare di ostentare oggetti di valore e di usare smartphone per strada.
    • Evitare di passeggiare da soli.







    5. ACAJUTLA – EL SALVADOR

    el-salvador-2014674_1280

    E’ un paese ancora poco frequentato dalle navi da crociera e il suo territorio propone un abbondante patrimonio naturalistico.
    Nonostante il turismo in crescita, a El Salvador spetta il poco invidiabile primato di paese più violento del continente americano, con una media di anche 40-50 omicidi al giorno.
    La criminalità comune ed organizzata controlla di fatto parte del territorio per interessi connessi al sistema di estorsioni ed al narcotraffico. Gli atti criminali vengono perpetrati su tutto il territorio nazionale soprattutto da bande armate che colpiscono indistintamente salvadoregni e stranieri.
    Si registrano episodi di criminalità anche contro le forze dell’ordine, la magistratura e gli addetti al trasporto pubblico. Sono in aumento reati quali  le rapine a mano armata, la violenza sessuale e il traffico di droga.

    Consigli per la sicurezza

    • Non utilizzare i mezzi pubblici.
    • Non effettuare viaggi o spostamenti notturni, evitare spostamenti a piedi e considerare che anche i viaggi in pullman, organizzati da agenzie affidabili, sono da considerarsi rischiosi per il verificarsi di episodi di assalto a mano armata.
    • Non viaggiare da soli.
    • Non esibire oggetti di valore ed elettronici.
    • Viaggiare sempre con i finestrini chiusi.
    • Non avventurarsi da soli in zone al di fuori dei circuiti turistici classici.
    • Non fermare taxi per strada e, prima di salire, registrare la compagnia ed il numero del veicolo.
    • Non opporre alcuna resistenza in caso di aggressione.
    • Non mettersi alla guida di veicoli. Il traffico è caotico, con frequenti gravi incidenti. Secondo la legge locale, in caso d’incidente con danni alla persona il conducente è presunto colpevole e viene messo a disposizione della giustizia, e non può lasciare il paese fino a quando il tribunale non abbia emesso la sentenza. Il presunto colpevole può essere rimesso in libertà solo dietro dichiarazione liberatoria rilasciata dalla parte lesa.







    6. PUERTO QUETZAL  – GUATEMALA

    1024px-Puerto_Quetzal_at_dawn

    Puerto Quetzal (© Stan Shebs)

     

    Una località ancora poco frequentata dalle navi da crociera, che a prima vista non ha molto da offrire. Molti dei tour organizzati portano ad Antigua, una piccola città di montagna dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.
    Nel Guatemala il tasso di criminalità ha raggiunto un livello critico. La maggior fonte di preoccupazione per i turisti sono i frequenti casi di furti e rapine a mano armata, che possono avvenire ovunque e a qualsiasi ora.
    Sono stati segnalati casi di bus turistici diretti ai siti archeologici Maya assaltati da bande armate. Nel 2009, un crocierista 73enne che viaggiava con Norwegian Cruise Line è morto durante un tentativo di rapina.

    Consigli per la sicurezza

    • Non portare gioielli, oggetti di valore, apparati elettronici di valore o grandi somme di denaro.
    • Non spostarsi da soli.
    • Non utilizzare mezzi di trasporto pubblico e non noleggiare auto per attraversare zone remote.
    • Mantenere un comportamento improntato alla discrezione, evitando di attirare l’attenzione.
    • Usare cautela nella visita dei siti archeologici Maya. Si sono verificati casi di rapine a mano armata contro pullman di turisti lungo il percorso dalla città di Flores al sito archeologico di Tikal.







    7. CASTRIES – SAINT LUCIA

    st-lucia-200796_1280

    Saint Lucia è un’isola tropicale appartenente all’arcipelago delle Piccole Antille, ricca di fascino, con paesaggi spettacolari, natura prorompente e spiagge incantevoli.
    Purtroppo nell’isola è alto il tasso di criminalità. Ci sono stati più casi di crocieristi e membri di equipaggio vittime di rapine a mano armata.
    Proprio per motivi di sicurezza, nel 2010 Norwegian Cruise Line aveva cancellato per due anni tutti gli scali programmati.
    Ricordare che l’omosessualità maschile è ancora considerata illegale a Saint Lucia, con pene che possono arrivare sino ai 10 anni di prigione.

    Consigli per la sicurezza

    • Non ostentare oggetti di valore e denaro contante.







    8. BASSETERRE – SAINT KITTS E NEVIS

    port-92163_1280

    Si tratta di un micro arcipelago composto da due graziose isole appartenenti alle Piccole Antille. Qui il benessere dei crocieristi si scontra con la povertà diffusa degli abitanti. Si contano rapine a mano armata, anche verso gruppi di crocieristi durante le escursioni (un caso successo nel 2010). C’é stato anche un episodio di violenza sessuale verso una giovane donna durante una escursione su un catamarano a Nevis, consumata nonostante ci fosse un familiare insieme a lei.

    Consigli per la sicurezza

    • Prestare attenzione quando si passeggia da soli fuori dalle vie principali ed evitare le aree isolate, spiagge comprese, soprattutto dopo il tramonto.







    9. ISTANBUL – TURCHIA

    Istanbul

    Istanbul è senza dubbio una delle destinazioni più affascinanti di tutto il Mediterraneo, una metropoli ricca di storia, con un immenso patrimonio artistico e con una vivace vita notturna.
    Con l’esclusione di Libia e Siria dagli itinerari delle crociere, la Turchia è oggi il paese geograficamente più vicino ai combattenti dell’ISIS. A partire dal 2015, Istanbul e altre città turche hanno conosciuto più episodi di attentati terroristici, di diversa matrice, a cui si aggiunge un fallito tentativo di colpo di stato. Le  autorità turche hanno elevato  il livello di allerta e rafforzato le misure di sicurezza, e segnalano rischi per possibili attentati diretti contro le infrastrutture di trasporto pubblico, luoghi di culto, locali notturni, centri di aggregazione come centri commerciali, ristoranti e alberghi.

    Consigli per la sicurezza

      • Rispetto alle altre destinazioni crocieristiche che abbiamo analizzato, qui il tasso di criminalità è meno preoccupante, ma è sempre necessario prestare un ragionevole livello di attenzione. Si raccomanda di non accettare offerte conviviali da persone sconosciute incontrate casualmente per strada, per quanto appaiano amichevoli o affidabili.
      • Evitare il trasporto pubblico e stare lontani da manifestazioni e assembramenti, installazioni militari e governative.
      • Seguire sempre le indicazioni e raccomandazioni fornite dalle autorità locali.







    10. ALESSANDRIA – EGITTO

    alessandria

    Poche altre destinazioni possono competere con il patrimonio artistico dell’Egitto.
    La situazione della sicurezza nel paese si è deteriorata negli ultimi anni, ma varie compagnie continuano a programmare soste in questo paese, il quale continua a registrare un clima di instabilità e turbolenza che spesso sfocia in turbative per la sicurezza e in azioni ostili anche di stampo terroristico.
    In più città, tra cui Alessandria, vi sono stati scontri fra forze di sicurezza e dimostranti, e di recente anche un duplice attentato terroristico contro chiese copte. Il brusco deterioramento della situazione economica generale del paese ha portato ad un aumento della microcriminalità, come borseggi, rapine anche a mano armata, furti d’auto. Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo in Egitto e che suggerisce di mantenere una adeguata soglia di attenzione.
    E’ importante sapere che e’ tassativamente proibito fotografare o filmare qualsiasi genere di installazioni militari, di polizia o simili, che potrebbe portare ad arresti e al sequestro del materiale, che spesso non viene restituito ai legittimi proprietari.

    Consigli per la sicurezza

      • Evitare i viaggi in zone non turistiche e mantenere sempre elevata la soglia di attenzione per la presenza di possibili minacce, soprattutto nelle stazioni ferroviarie e dei bus, metropolitana, mercati, nonché nelle vicinanze di edifici governativi, stazioni di polizia, installazioni militari, musei e nei tratti stradali che collegano gli aeroporti alle località turistiche.
      • Spostarsi con una fotocopia del passaporto.
      • Mantenere un comportamento, anche nell’abbigliamento, consono agli usi locali, che non risulti provocatorio e che sia rispettoso della cultura e della religione musulmana. Oltre ad evitare capi di abbigliamento succinti, sono da escludere anche quelli che richiamino, direttamente o indirettamente nei colori e nella fattura, lo Stato d’Israele o gli USA.
      • Preferire i tour organizzati dalla compagnia. Sono assolutamente sconsigliate le escursioni organizzate da operatori non autorizzati e i taxi abusivi.

     

    CONCLUSIONI
    Dalla classifica deduciamo che i paesi più pericolosi si concentrano nell’area del Centro – Sud America e Caraibi a causa delle più elevate probabilità del rischio di rapine a mano armata, un fenomeno particolarmente localizzato in questa regione, mentre nelle altre aree del mondo sono più rare le segnalazioni di crimini perpetrati attraverso la violenza fisica.

    In Europa e in particolar modo nel Mediterraneo sono stati segnalati sporadici casi di borseggiatori che entrano in azione nei luoghi affollati. In Italia il fenomeno risulta più accentuato nella città di Napoli.

    Restando nel Mediterraneo, un paese una volta molto frequentato dalle navi da crociera e che ultimamente sta cercando di riprendersi è la Tunisia, noto alle cronache per l’attentato al Museo del Bardo nel 2015, dove sono rimasti uccisi e feriti alcuni crocieristi in escursione. Oltre al rischio del terrorismo, la precarietà dell’economia tunisina ha portato ad un aumento della microcriminalità e di tensioni sociali, scioperi e manifestazioni, a cui sono tuttavia meno esposte le zone turistiche.

    Altro paese del Mediterraneo che richiede particolare attenzione è Israele. Qui possono verificarsi episodi di violenza quali accoltellamenti e lanci di pietre su persone e veicoli, così come scontri tra dimostranti e forze di sicurezza israeliane e attacchi con armi da fuoco, oltre ad isolati atti di microcriminalità. Nel 2014, i detriti di un missile finirono sul ponte esterno della AIDAdiva, fortunatamente provocando solo danni materiali di modesta entità.

    Cambiando completamente regione geografica, un altro paese da ritenersi pericoloso per la sicurezza dei crocieristi sono le Filippine, dove possono verificarsi furti, aggressioni e crimini legati alla produzione e spaccio di stupefacenti.

    Tra le regioni che invece possiamo considerare come quelle più sicure in assoluto ci sono Australia e Nuova Zelanda.

    Riportiamo una serie di semplici ed utili regole per evitare che una vacanza da sogno si trasformi in un incubo:

        • Partire informati sulla località che si intende visitare. Non limitarsi a prendere nota delle attrazioni turistiche che si desidera raggiungere, ma approfondire bene anche la questione della sicurezza. Per tale fine può essere di notevole aiuto il sito www.viaggiaresicuri.it.
        • Soprattutto nei paesi poveri, non ostentare ricchezza attraverso vestiti o accessori di valore, ma mantenere un basso profilo e stare costantemente vigili.
        • Conservare documenti, portafogli, dispositivi elettronici in un luogo sicuro. Se il passaporto non è strettamente necessario, circolare con una fotocopia. Per i pagamenti è sufficiente una sola carta di credito, pertanto si può alleggerire il portafogli lasciando le altre carte nella cassaforte della cabina.
        • A seconda del paese visitato e delle probabili limitate conoscenze su usi e costumi locali, potrebbe essere preferibile scendere dalla nave per partecipare esclusivamente ai tour organizzati dalla compagnia. In alcune zone spostarsi da soli e talvolta anche in coppia potrebbe essere molto pericoloso.
        • Evitare cortei ed assembramenti.
        • Prestare attenzione a persone che si mostrano eccessivamente cordiali, anche se le apparenze sono rassicuranti.
        • Specialmente negli orari serali e notturni, non frequentare luoghi isolati lontani dalle destinazioni turistiche.
        • Non rivolgersi a tassisti non autorizzati, agenti di cambio non autorizzati o ad altri soggetti che non operano nella legalità. A seconda della situazione, oltre al rischio di essere truffati si potrebbe divenire complici di un reato.
        • Mai dimenticare che tutto quello che si possiede può essere rimpiazzato. La vita no. Cercare pertanto di assecondare le richieste di un rapinatore, che probabilmente agirà con un’arma.
        • Indossare calzature comode. Se malauguratamente dovesse capitare di trovarsi nel posto sbagliato, correre può fare la differenza tra la vita e la morte. Meglio non farsi cogliere impreparati.

    Fonti: Collaboratori Cruise Lifestyle, Cruise Law News, Smarter Travel Media, The Institute for Economics and Peace, Viaggiare Sicuri

    • Valutazione di Cruise Lifestyle
    • Dai un voto all'articolo
    • Valutazione complessiva
    • Valutazione dei Lettori
    • Dai un voto all'articolo
    • Valutazione complessiva
    5,0























    2015 Bologna Roma Image Banner 300 x 250

    NEWSLETTER

    IDEE DI VIAGGIO