728x90_Crociere_AlwaysOn

Storia
Fallisce il progetto di convertire in hotel galleggiante la ex Vistafjord
583     
  • 5.0
  • Pensavamo che ormai fosse salva. L’ultima nave da crociera costruita nel Regno Unito sembrava che potesse avere ancora un futuro e restare lontana dalla orribile spiaggia di Alang. Invece, inaspettatamente, è tramontato il progetto per l’impiego della Oasia come nave da crociera e hotel galleggiante a Yangon, la più grande città della Birmania.

    Oasia è l’ultimo nome con cui è stata registrata la Vistafjord, poi Caronia e Saga Ruby. La nave, con alle spalle ormai 43 anni di servizio, sarà destinata a concludere la sua esistenza nella infelice spiaggia indiana. Partita dalla Thailandia, attualmente sta compiendo la sua ultima traversata alla velocità di poco più di un nodo.

    Per molti si tratta di una notizia triste e inattesa, visto che la nave è pienamente conforme alla vigente normativa SOLAS e di recente sono stati investiti 10 milioni di dollari per ristrutturarla, in modo che potesse servire come nave hotel e museo.
    La nave risultava in vendita ad un prezzo di 26 milioni di dollari e le sue buone condizioni le avrebbero consentito una durata operativa compresa tra i 7 e 10 anni, oppure decenni se stazionante. Non era assolutamente un rottame.


    IL PROGETTO
    Ordinata dalla defunta Norwegian America Line ai cantieri Swan Hunter & Tyne Shipbuilders di Newcastle, il design della nave rivela un layout da classico transatlantico, sviluppato sul modello della Sagafjord costruita nel 1965, ma con uno scafo maggiorato, come pure la sovrastruttura, oltre a una più razionale progettazione degli interni.
    Vistafjord è stata progettata da Njal Eide, stesso architetto della Sagafjord, con la collaborazione di altri designer scandinavi. La nave è stata arredata Il risultato è una nave tradizionale, dall’atmosfera sofisticata e formale adatta ai gusti degli europei.
    Si tratta dell‘ultima nave da crociera costruita da un cantiere inglese.

    VISTAFJORD – NORWEGIAN AMERICA LINE (1973-1983)
    Vistafjord è stata consegnata il 15 maggio 1973. Per 13 anni le Guide Berlitz la hanno valutata come una delle cinque navi da crociera più lussuose del mondo. Rivaleggiavano con lei Sagafjord, sempre della Norwegian America Line, Royal Viking Star, Royal Viking SkyRoyal Viking Sea della Royal Viking Line, altra compagnia estinta ma che di fatto è stata rifondata nell’era contemporanea con il brand Viking Ocean Cruises. Tuttavia, nonostante il prestigio della nave, Norwegian America Line non è mai riuscita a ricavare grandi guadagni dalla gestione della Vistafjord.


    VISTAFJORD – CUNARD LINE (1983-1999)
    Nel 1983 Norwegian America Line viene acquisita da Cunard Line e Vistafjord, insieme alla gemella Sagafjord, confluiscono nella flotta della storica compagnia inglese. Mantengono lo stesso nome e il colore grigio dello scafo tipico delle navi Norwegian America Line, soltanto il fumaiolo viene ridipinto con la livrea di Cunard.

    Nel 1984 la nave viene sottoposta ad importanti interventi di restyling. In particolare viene inserita una nuova struttura di alluminio da 90 tonnellate tra il Viking Club e il ponte per lo shuffle board in modo da dare vita ad un lussuoso night club su due livelli. Il ristorante principale viene inoltre ampliato trasferendo il casinò e la biblioteca in altre location, mentre al ponte Sun vengono aggiunti balconi ad alcune cabine, oltre ad esserne realizzate di nuove.
    Circa dieci anni più tardi la Vistafjord ritorna in dry dock per nuovi grandi interventi di ammodernamento. Un investimento da 15 milioni di dollari per dotare la nave di due suite su due livelli sul ponte Bridge e di balconi alle cabine del ponte Sun, oltre ad una completa sostituzione di arredi e bagni della maggior parte delle sistemazioni situate ai ponti inferiori. Viene infine realizzato un ristorante alternativo sfruttando il livello superiore del Viking Club.


    CARONIA – CUNARD LINE (1999-2004)
    Nel 1999 Cunard Line preferisce ribattezzare la nave con un nome più consono per la flotta, divenendo così Caronia. Ma il nome era solo uno dei dettagli per far apprezzare meglio la nave dal pubblico inglese. Un dry dock da 5 milioni di dollari ha permesso anche la rivisitazione di alcune aree pubbliche, che hanno mutato anche nome, abbandonando definizioni nordiche per altre tipicamente britanniche, come il Viking Club ribattezzato Piccadilly Club, o il North Cape Bar divenuto Golden Lion Pub.


    SAGA RUBY – SAGA CRUISES (2004-2014)
    Nel 2004 Caronia termina il servizio per Cunard Line e la proprietà passa a Saga Cruises, che ribattezza la nave Saga Ruby, facendo eseguire importanti interventi di restyling costati 17 milioni di sterline.
    Nel 2012 Saga Cruises ne annuncia la dismissione dalla flotta per i primi mesi del 2014 e per celebrare con stile il quarantesimo anniversario della nave organizza un giro del mondo che comprende molti dei porti toccati durante la sua lunga carriera. Tuttavia, a causa di problemi tecnici incontrati durante una crociera, la nave è costretta ad una lunga sosta a Southampton e i tempi per le riparazioni impatteranno sulla partenza della crociera World Cruise che viene ridotta a Grand Voyage.
    L’ultima crociera della Saga Ruby non si rivela fortunata. A causa di un guasto ad un generatore, l’erogazione dell’aria condizionata diventa inadeguata per una destinazione esotica come quella dei Caraibi, pertanto l’itinerario viene ridefinito optando per il Mar Mediterraneo.


    OASIA – FLEETPRO (2014)

    La persistenza di problemi meccanici e l’età avanzata rendevano incerto il destino della Saga Ruby. Fortunatamente si è profilata una nuova opportunità in Asia, grazie all’interesse di Millennium View, azienda gestita da un fondo di private equity di Singapore, che compra la nave per 14 milioni di dollari. Il nome muta in Oasia e i nuovi proprietari coltivano il progetto di convertirla in hotel galleggiante in Birmania, mantenendo comunque attiva la registrazione della nave in modo da poter sfruttare l’eventualità di effettuare crociere. Nonostante siano stati eseguiti investimenti milionari per la ristrutturazione, il piano non riesce a concretizzarsi e a febbraio ne viene annunciata la vendita per la demolizione.

     

    CARATTERISTICHE PRINCIPALI
    Lunghezza:191,09 metri
    Larghezza:25,00 metri
    Pescaggio:1973-2005: 8,20 metri
    2005: 8,23 metri
    Stazza lorda:1973-2005: 24.292 tonnellate
    2005: 24.492 tonnellate
    Materiale scafo:Acciaio
    Materiale sovrastruttura:Alluminio
    Anno di costruzione:1973
    Restyling:1984
    1995
    2004
    2014
    Cantiere: Swan Hunter & Tyne Shipbuilders (Regno Unito)
    Porto di registro:1973–1983: Oslo, Norvegia
    1983–1999: Nassau, Bahamas
    1999–2004: Southampton, Regno Unito
    2004–2010: Londra, Regno Unito
    2010-2014: La Valletta, Malta
    2014: Nassau, Bahamas
    Equipaggio:380
    Passeggeri:1973-2005: 670 (occupazione massima)
    2005: 655 (occupazione massima)
    PSR (Passenger Space Ratio):35
    Rapporto passeggeri/equipaggio1,8
    Propulsione:Doppia elica
    Motorizzazione:2 x Sulzer 9RD68 24.000 bhp
    Velocità:20 nodi
    Ice Class:1 C

    DATAEVENTO
    15 maggio 1972Varo della Vistafjord ai cantieri Swan Hunter & Tyne Shipbuilders di Newcastle, Regno Unito.
    6 aprile 1973Eseguite le prove in mare.
    15 maggio 1973Consegna della nave alla Norwegian America Line.
    22 maggio 1973Viaggio inaugurale da Oslo a New York.
    Maggio 1980Trasferimento alla Norwegian America Cruises, compagnia posseduta al 90% da Norwegian America Line.
    Ottobre 1983Trasferimento alla flotta Cunard Line, che ha acquistato Norwegian America Cruises.
    La nave viene inviata a La Valletta per il restyling. Il porto di registro passa da Oslo a Nassau.
    Fine 1994Nuovo restyling da 30 milioni di dollari a La Valletta
    6 aprile 1997Incendio nel locale lavanderia. Le fiamme vengono domate ma muore un membro dell’equipaggio.
    10 Dicembre 1999Vistafjord viene ribattezzata Caronia e registrata a Southampton. Segue un dry dock da 5 milioni di dollari.
    Luglio 2004La nave viene venduta alla Saga Shipping Co.
    1 novembre 2004Caronia viene ribattezzata Saga Ruby e registrata a Londra.
    Vengono eseguiti importanti interventi di restyling costati 17 milioni di sterline.
    1 marzo 2005Prima crociera come Saga Ruby.
    10 ottobre 2009Collisione con la banchina a New York. La nave viene riparata a Bayonne.
    Luglio 2010Saga Ruby cambia porto di registro: da Londra a La Valletta.
    20 febbraio 2013Ripianificazione della crociera World Cruise, che inizia con 44 giorni di ritardo a causa di problemi meccanici.
    9 gennaio 2014Termina il servizio per Saga Cruises.
    10 gennaio 2014Saga Ruby parte per un dry dock a Gibilterra.
    La nave è stata acquistata da Millennium View per 14 milioni di dollari, che intende convertirla in hotel galleggiante da
    posizionare in Birmania.
    30 gennaio 2014Saga Ruby cambia nome in Oasia e registrata a Nassau.
    Febbraio 2014La nave lascia Gibilterra per raggiungere Sattahip, in Thailandia, dove viene posta in disarmo.
    Marzo 2017Venduta per la demolizione.

    « 1 di 2 »

     

    Fonti: Cruise Industry News, Fakta om Fartyg, NedCruise, Revolvy, QPS Marine Ships, The Captain’s Log
    Foto: www.ShipParade.com

     

    • Valutazione di Cruise Lifestyle
    • Dai un voto all'articolo
    • Valutazione complessiva
    • Valutazione dei Lettori
    • Dai un voto all'articolo
    • Valutazione complessiva
    5,0
    ARTICOLI CORRELATI
    Carnival smentisce le voci sulla cessione di Cunard e Seabourn
    31 Luglio 2020

    di Redazione Cruise Lifestyle

    Guide Berlitz 2020: le migliori grandi navi da crociera
    2 Gennaio 2020

    di Redazione Cruise Lifestyle

    Avviata la costruzione della nuova nave di Cunard
    11 Ottobre 2019

    di Redazione Cruise Lifestyle

    Completato il refit della Queen Elizabeth
    11 Gennaio 2019

    di Redazione Cruise Lifestyle

    Guide Berlitz 2019 – Le migliori grandi navi da crociera
    5 Gennaio 2019

    di Redazione Cruise Lifestyle


    Storia
    FOCUS. SS Rotterdam: la sua storia
    4 Settembre 2017

    di Davide Carboni


    Crociere Standard
    Odyssey of the Seas lascia il bacino coperto di Meyer Werft
    30 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Arrivano le nuove minivacanze invernali con Costa Smeralda
    27 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle

    Superyacht
    Il nuovo Motopanfilo Benetti: una barca sospesa nel tempo
    3 Dicembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Pronto per il varo il Dynamiq GTT 135 “Stefania”
    2 Dicembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Venduto il nuovo superyacht Columbus Custom 50 metri progetto Lady
    27 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle

    Megayacht

    Crociere Premium
    Posata la chiglia di Celebrity Beyond
    20 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Jalesh Cruises verso la chiusura dell’attività
    11 Ottobre 2020 di Davide Carboni

    Crociere Luxury
    Completato l’allungamento e ammodernamento di Star Breeze
    18 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Viking Star diventa la prima nave al mondo ad avere un laboratorio PCR
    3 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle
    Fincantieri consegna Silver Moon
    30 Ottobre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle

    Spedizioni
    Brodosplit vara la Ultramarine
    20 Maggio 2020 di Redazione Cruise Lifestyle

    Cantieri
    Al via i lavori in bacino a Shanghai per la prima nave da crociera cinese
    10 Novembre 2020 di Redazione Cruise Lifestyle

    CRUISE LIFESTYLE
    CRUISE & SUPERYACHT NEWS